Formazione

A partire dal valore riconosciuto all’esperienza, ai vissuti, al “concreto vivente”, le proposte di accompagnamento formativo muovono dalla valorizzazione riflessiva delle esperienze della carità per l’elaborazione di orizzonti di senso, la maturazione di rinnovate consapevolezze, la definizione di attenzioni e stili comuni. L’idea è che dal “sostare”, ovvero dall’ascolto e dalla condivisione in piccolo gruppo delle esperienze, impastate di fatti, fatiche, frutti, sia possibile arrivare al “so|stare” ovvero a distinguere quelle tracce capaci di favorire presenze di comunione e relazioni di prossimità e nutrire così la speranza.

.

Formazione referenti Collegamento Centri di ascolto

Percorso annuale di accompagnamento formativo rivolto ai referenti dei Centri di ascolto Caritas partecipanti al “Collegamento dei Centri di ascolto” finalizzato a maturare consapevolezza dello “stile Caritas” e condividere lo specifico distintivo dell’identità dei centri di ascolto. Il percorso prende le mosse dalla necessità di approfondire gli elementi qualificanti contenuti in «Verso la “Carta” dell’ascolto. L’ORO di una esperienza formativa»

2012-13 | Verso la Carta dell’ascolto
2013-14 | Al centro: le persone ferite
2014-15 | Le ferite, di chi fa l’ascolto, nell’ascolto
2015-16 | Insieme, la risorsa della partecipazione
2016-17 | Insieme, nutrire la comunità
2017-18 | Storie eXtra ordinarie. La risorsa della resilienza.
2018-19 | RICONOSCERE A partire dalle specificazioni relazionali dell’ascolto emerse in “Verso la “Carta” dell’ascolto. L’ORO di una esperienza formativa”, la proposta formativa 2018/2019, attraverso quattro focus group, ha visto i partecipanti so|stare sull’esperienza del Centro di ascolto Caritas per riconoscerne i tratti distintivi (CON-SEGNATI, TRA TUTTI, NELLA COMUNITA’, CON DIO – vedi: Caleidociclo della Carità).

freccia  La formazione del Collegamento dei Centri di ascolto è dedicata ai referenti dei Centri di ascolto Caritas, secondo una programmazione annuale. Per conoscere il programma contattaci allo 030 3757746 o via email a caritas@caritasbrescia.it

.

Laboratori di carità

Percorsi di accompagnamento formativo finalizzati a promuovere una “formazione del cuore” degli uomini e delle donne della carità di una specifica realtà parrocchiale, nonché a discernere le azioni capaci di animare una “Caritas delle relazioni”. Animati da un formatore facilitatore, i “laboratori di carità” privilegiano le attivazioni di piccolo gruppo, muovono dalla valorizzazione riflessiva dell’esperienza, fanno proprio il metodo pastorale Caritas dell’ascoltare, osservare, discernere, un metodo costruito sull’incontro, il confronto, la relazione (anche con la Parola).

freccia  Ogni Laboratorio di carità è attivato ad hoc in base alle esigenze formative di ciascuna Caritas/comunità. Per richiedere informazioni sulla specificità formativa dei Laboratori di carità e valutare l’opportunità di attivare un laboratorio nella propria comunità contattaci allo 030 3757746 o via email a caritas@caritasbrescia.it

.

Proposte formative Area per la Società

Raccontare la fede, riconoscere il Signore” è il desiderio che dà forma alla proposta formativa dell’Area per la Società della Diocesi di Brescia (Ufficio per la Famiglia, Ufficio per la Salute, Ufficio per l’Impegno Sociale, Caritas Diocesana di Brescia).
Diversi i temi e i percorsi possibili da declinare in base alle specificità del contesto di formazione.

A tema carità:
– POVERTA’. Virtuosismo comunitario. Dalla consapevolezza della propria povertà, attraverso le povertà, per il benessere comune
– ASCOLTO. Il Vangelo dell’ascolto. Accogliere le lacrime.
– OPERE PARLANTI. Evangelizzazione e carità. Percorsi di evangelizzazione e carità. Quale rapporto?
– ACCOGLIERE. Accogliere animando. “Oka. È in gioco la vita”

freccia  Per informazioni e richieste contattare Caritas Diocesana di Brescia (tel. 030 3757746 – caritas@caritasbrescia.it) oppure Ufficio Catechesi (tel. 030 3722245 – catechesi@diocesi.brescia.it).

.

Approdi

Approdi identifica la proposta di accompagnamento formativo e di sensibilizzazione alla cultura dell’incontro presentata nelle comunità accoglienti, nelle parrocchie e nelle scuole e si prefigge di stimolare ragazzi, giovani e bambini a interrogarsi sul proprio modo di pensare, a lavorare su stereotipi e resistenze, a rileggere le proprie esperienze di incontro.
Nello specifico per le comunità accoglienti è previsto l’Approdo 5 | Oka. E’ in gioco la vita, un gioco e tre percorsi.

freccia  Per informazioni contattare la Cooperativa Kemay al numero 348 3051236 o via email a info@kemay.it

.

Proposte per sostare

A supporto della promozione della pastorale della carità è stata curata la realizzazione di alcune proposte per sostare.