4 realtà collegate

La Caritas Diocesana di Brescia svolge la propria attività prevalente all’interno di quattro ambiti di attenzione e di impegno – Promozione pastorale della carità; Promozione umana-opere segno; Promozione volontariato giovanile; Emergenze e mondialità – grazie a quattro realtà collegate, che assumono come propri le finalità, i valori e i metodi di Caritas e si propongono di tradurli in azioni e interventi concreti:

  • Fondazione Opera Caritas San Martino: braccio operativo di Caritas Diocesana di Brescia, si occupa di promuovere e gestire attività a favore di persone e comunità italiane ed estere in stato di bisogno, in particolare con riferimento a situazioni caratterizzate da emergenza sociale e in occasione di calamità. L’attività comprende anche iniziative di formazione, ricerca, documentazione e di promozione di raccolta offerte, erogazioni liberali e contribuiti. Istituita con decreto del Vescovo di Brescia, Giulio Sanguineti, in data 15 febbraio 2000, nel gennaio 2008 rende operativo il ramo Onlus.
  • Associazione Casa Betel 2000: fondata nell’anno del grande Giubileo 2000, per volontà della Diocesi di Brescia, come segno di un’importante iniziativa di carità. L’associazione ha il compito di gestire: la Comunità di Vita, la mensa “Madre Eugenia Menni”, l’Emergenza freddo femminile “Sorella Lucia Ripamonti”, il Rifugio Caritas per l’emergenza freddo maschile “E lo avvolse in fasce”. Per ulteriori informazioni, visita il sito dell’associazione.
  • Associazione Farsi Prossimo: associazione volontari di Caritas Diocesana di Brescia nata nel giugno 2015, ha la finalità di raggruppare gli oltre 300 volontari delle opere-segno di Caritas Diocesana di Brescia.
  • Cooperativa Kemay: dal 2016, nell’ambito di Caritas Diocesana di Brescia, accompagna l’attivazione e la gestione di forme di accoglienza diffusa e di processi di integrazione per i richiedenti protezione internazionale nelle comunità parrocchiali. Per ulteriori informazioni, visita il sito di Kemay.

.